Doppia diagnosi "GLEDHILL AL COLLE"

Servizio superspecialistico per doppia diagnosi: dipendenze patologiche con problemi psichiatrici importanti

Mostra contenuti secondari Nascondi contenuti secondari

Storia e originalità dell' approccio

Storia e originalità dell' approccio

Il Centro Raymond Gledhill nasce nel 1991, per iniziativa del Dr. Aldo Lombardo e Cristina Totori, come Comunità Terapeutica Psichiatrica con sede in Roma, Via Appia Antica, 176, oggi luogo di ristoro e intrattenimento di tutt'altro genere.
In seguito alla crescente domanda di persone con patologia psichiatrica e dipendenze patologiche che, nel tentativo di autocurarsi sviluppavano dipendenze di vario genere, nel 1997 apre una succursale a Lanuvio, Roma, per rispondere a questo tipo di bisogno terapeutico.
La succursale del Centro, nominata "Gledhill al Colle" perchè situata a Lanuvio in Via Colle Cavaliere, 32, si attrezza per rispondere in maniera efficace (e da vent'anni costantemente sempre più) al tipo di domanda di servizio specialistico. Per questo seleziona operatori scelti per capacità personali e competenza nel settore che forma e aggiorna, al passo con gli sviluppi delle conoscenze nel campo.  
L'esperienza di comprensione approfondita dei problemi complessi degli utenti con cosiddetta doppia diagnosi, nel tempo ha spinto verso l'affinamento delle strategie di recupero. Oggi, si opera l'integrazione della Socioterapia con presidi terapeutici mirati. Presidi adatti sia a trattare traumi psicologici nascosti dei nostri residenti, sia a insegnare loro come gestire l'intensità emotiva disturbata, alla base dei comportamenti disfunzionali; questi ultimi tipici del Disturbo di Personalità Borderline.
Per questo EMDR, SCHEMA Therapy, DBT e STEPPS sono trattamenti che oggi nel nostro Centro completano l'approccio della SOCIOTERAPIA di stampo anglosassone classico (Maxwel Jones) e costituiscono il valore aggiunto di quella che chiamiamo Socioterapia Integrata.

Recupero Dipendenze Psichiatriche con la Socioterapia Integrata

Recupero Dipendenze Psichiatriche con la Socioterapia Integrata

Si tratta di un servizio superspecialistico per dipendenze patologiche associate a problemi psichiatrici importanti.

L'idea di base della Socioterapia é creare un ambiente che permetta lo sviluppo dell'attaccamento sicuro. Per questo i residenti e lo staff lavorano insieme, condividendo per quanto possibile, ruoli di responsabilità di ogni tipo. Del proprio operato si risponde a tutti i membri del gruppo dei residenti e non si applica il rapporto individuale operatore (“sano”) - residente ("malato").

Tre cose importanti caratterizzano la Socioterapia Integrata:
a) Sperimentare ruoli nuovi, diversi da quello di 'malato' o 'sbagliato' che l'esperienza dei fallimenti personali ci ha indotto a credere.   
b) Condividere sentimenti ed esperienze (presenti e passate) costruendo relazioni significative per aiutarci reciprocamente a superare difficoltà personali e profonde 
c) Insegnamenti tecnici e guida per gestire i nostri impulsi e l'intensità esagerata delle nostre emozioni. 

Ecco, in poche parole l'approccio nostro è tutto in questa cosa qui: Socioterapia, per sperimentarci in vari ruoli diversi da quello di "povero sbandato"; Psicoterapie, per approfondire il rapporto tra danni ricevuti e legami significativi di fiducia; STEPPS (approccio americano all'insegnamento della gestione delle abilità di controllo delle emozioni) per acquisire strumenti pratici particolari per gestire l'emotività e non mandarla fuori giri. 
Contattaci subito

I Nostri Servizi

I Nostri Servizi
  •  Centro accreditato col Servizio Sanitario Nazionale
  •  Dipendenza patologica da: droga, alcol, internet, cibo, azzardo, sesso, tagliarsi
  •  Cultura operativa di recupero di stampo anglosassone
  •  Programma residenziale di Socioterapia per massimo 10 persone
  •  Addestramento e terapie d'avanguardia per l'autocontrollo degli impulsi
  •  Opportunità di cura attraverso consapevolezza e responsabilizzazione
  •  Ogni persona risponde a tutto il gruppo dei residenti non a singoli operatori
  •  No rapporti di sottomissione uno ad uno
  •  Decisioni democraticamente condivise tra staff e residenti